Atalanta lavora sull’uomo, non sulla sostanza inerte